Mercoledì 3 Marzo 2021 : Libro della Genesi 17,18-23.26-27.


Testi Sacri
Abramo disse a Dio: "Se almeno Ismaele potesse vivere davanti a te!".
E Dio disse: "No, Sara, tua moglie, ti partorirà un figlio e lo chiamerai Isacco. Io stabilirò la mia alleanza con lui come alleanza perenne, per essere il Dio suo e della sua discendenza dopo di lui.
Anche riguardo a Ismaele io ti ho esaudito: ecco, io lo benedico e lo renderò fecondo e molto, molto numeroso: dodici principi egli genererà e di lui farò una grande nazione.
Ma stabilirò la mia alleanza con Isacco, che Sara ti partorirà a questa data l'anno venturo".
Dio terminò così di parlare con lui e, salendo in alto, lasciò Abramo.
Allora Abramo prese Ismaele suo figlio e tutti i nati nella sua casa e tutti quelli comperati con il suo denaro, tutti i maschi appartenenti al personale della casa di Abramo, e circoncise la carne del loro membro in quello stesso giorno, come Dio gli aveva detto.
In quello stesso giorno furono circoncisi Abramo e Ismaele suo figlio.
E tutti gli uomini della sua casa, i nati in casa e i comperati con denaro dagli stranieri, furono circoncisi con lui.

Condividi una riflessione o una preghiera