Giovedì 11 Febbraio 2021 : Libro della Sapienza 14,12-27.


Articoli Religiosi
L'invenzione degli idoli fu l'inizio della prostituzione, la loro scoperta portò la corruzione nella vita.
Essi non esistevano al principio né mai esisteranno.
Entrarono nel mondo per la vanità dell'uomo, per questo è stata decretata per loro una rapida fine.
Un padre, consumato da un lutto prematuro, ordinò un'immagine di quel suo figlio così presto rapito, e onorò come un dio chi poco prima era solo un defunto ordinò ai suoi dipendenti riti misterici e di iniziazione.
Poi l'empia usanza, rafforzatasi con il tempo, fu osservata come una legge.
Le statue si adoravano anche per ordine dei sovrani: i sudditi, non potendo onorarli di persona a distanza, riprodotte con arte le sembianze lontane, fecero un'immagine visibile del re venerato, per adulare con zelo l'assente, quasi fosse presente.
All'estensione del culto anche presso quanti non lo conoscevano, spinse l'ambizione dell'artista.
Questi infatti, desideroso di piacere al potente, si sforzò con l'arte di renderne più bella l'immagine;
il popolo, attratto dalla leggiadria dell'opera, considerò oggetto di culto colui che poco prima onorava come uomo.
Ciò divenne un'insidia ai viventi, perché gli uomini, vittime della disgrazia o della tirannide, imposero a pietre o a legni un nome incomunicabile.
Poi non bastò loro sbagliare circa la conoscenza di Dio; essi, pur vivendo in una grande guerra d'ignoranza, danno a sì grandi mali il nome di pace.
Celebrando iniziazioni infanticide o misteri segreti, o banchetti orgiastici di strani riti
non conservano più pure né vita né nozze e uno uccide l'altro a tradimento o l'affligge con l'adulterio.
Tutto è una grande confusione: sangue e omicidio, furto e inganno, corruzione, slealtà, tumulto, spergiuro;
confusione dei buoni, ingratitudine per i favori, corruzione di anime, perversione sessuale, disordini matrimoniali, adulterio e dissolutezza.
L'adorazione di idoli senza nome è principio, causa e fine di ogni male.

Condividi una riflessione o una preghiera