Domenica 10 Novembre 2019 : Prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinti 15,20-26.28.


Articoli Religiosi
Ora, invece, Cristo è risuscitato dai morti, primizia di coloro che sono morti.
Poiché se a causa di un uomo venne la morte, a causa di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti;
e come tutti muoiono in Adamo, così tutti riceveranno la vita in Cristo.
Ciascuno però nel suo ordine: prima Cristo, che è la primizia; poi, alla sua venuta, quelli che sono di Cristo;
poi sarà la fine, quando egli consegnerà il regno a Dio Padre, dopo aver ridotto al nulla ogni principato e ogni potestà e potenza.
Bisogna infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi.
L'ultimo nemico ad essere annientato sarà la morte,
E quando tutto gli sarà stato sottomesso, anche lui, il Figlio, sarà sottomesso a Colui che gli ha sottomesso ogni cosa, perché Dio sia tutto in tutti.

Condividi una riflessione o una preghiera

Una risposta a “Domenica 10 Novembre 2019 : Prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinti 15,20-26.28.

  1. L’episodio della donna andata in moglie a sette fratelli, deve essere stato un caso limite ma reale, visto come erano legulei i sadducei. Per questo probabilmente Gesù con la samaritana si mostra con un atteggiamento favorevole. Lei che si era fermata a cinque mariti, e poi stufa si era preso un uomo che gli piaceva. Anche Gesù di norme, non comandamenti, presi dal Vecchio Testamento ne ha violati diversi, la gestione del sabato, il divieto del sangue, ecc… La samaritana quando incominciò il suo cammino di liberazione, e conseguentemente andava al pozzo a prendere l’acqua a mezzogiorno, quando normalmente si va al pozzo al mattino presto, incontrò il Liberatore. https://www.amazon.it/Genio-Ges%C3%B9…/dp/B0775YMD9L/

I commenti sono chiusi.