Lunedì 5 Dicembre 2016 : Libro di Geremia 10,1-10.

Chiesa di Milano


Rosari
Ascoltate la parola che il Signore vi rivolge, casa di Israele.
Così dice il Signore: "Non imitate la condotta delle genti e non abbiate paura dei segni del cielo, perché le genti hanno paura di essi.
Poiché ciò che è il terrore dei popoli è un nulla, non è che un legno tagliato nel bosco, opera delle mani di chi lavora con l'ascia.
È ornato di argento e di oro, è fissato con chiodi e con martelli, perché non si muova.
Gli idoli sono come uno spauracchio in un campo di cocòmeri, non sanno parlare, bisogna portarli, perché non camminano. Non temeteli, perché non fanno alcun male, come non è loro potere fare il bene".
Non sono come te, Signore; tu sei grande e grande la potenza del tuo nome.
Chi non ti temerà, re delle nazioni? Questo ti conviene, poiché fra tutti i saggi delle nazioni e in tutti i loro regni nessuno è simile a te.
Sono allo stesso tempo stolti e testardi; vana la loro dottrina, come un legno.
Argento battuto e laminato portato da Tarsìs e oro di Ofir, lavoro di artista e di mano di orafo, di porpora e di scarlatto è la loro veste: tutti lavori di abili artisti.
Il Signore, invece, è il vero Dio, egli è Dio vivente e re eterno; al suo sdegno trema la terra, i popoli non resistono al suo furore.

Lunedì 5 Dicembre 2016 : Salmi 135(134),15-21.

Chiesa di Milano


Testi Sacri
Gli idoli dei popoli sono argento e oro, opera delle mani dell'uomo.
Hanno bocca e non parlano; hanno occhi e non vedono;
hanno orecchi e non odono; non c'è respiro nella loro bocca.
Sia come loro chi li fabbrica e chiunque in essi confida.
Benedici il Signore, casa d'Israele; benedici il Signore, casa di Aronne;
Benedici il Signore, casa di Levi; voi che temete il Signore, benedite il Signore.
Da Sion sia benedetto il Signore. che abita a Gerusalemme. Alleluia.

Lunedì 5 Dicembre 2016 : Libro di Zaccaria 9,1-8.

Chiesa di Milano


Accessori per la Liturgia
Oracolo. La parola del Signore è sulla terra di Cadràch e si posa su Damasco, poiché al Signore appartiene la perla di Aram e tutte le tribù d'Israele;
anche Amat sua confinante e Sidòne, che è tanto saggia.
Tiro si è costruita una fortezza e vi ha accumulato argento come polvere e oro come fango delle strade.
Ecco, il Signore se ne impossesserà, sprofonderà nel mare le sue ricchezze ed essa sarà divorata dal fuoco.
Ascalòna vedrà e ne sarà spaventata, Gaza sarà in grandi dolori, come anche Ekròn, perché svanirà la sua fiducia; scomparirà il re da Gaza e Ascalòna rimarrà disabitata.
Bastardi dimoreranno in Asdòd, abbatterò l'orgoglio del Filisteo.
Toglierò il sangue dalla sua bocca e i suoi abomini dai suoi denti. Diventerà anche lui un resto per il nostro Dio, sarà come una famiglia in Giuda ed Ekròn sarà simile al Gebuseo.
Mi porrò come sentinella per la mia casa contro chi va e chi viene, non vi passerà più l'oppressore, perché ora io stesso sorveglio con i miei occhi.

Lunedì 5 Dicembre 2016 : Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 19,16-22.

Chiesa di Milano


http://www.ispeech.org
Ed ecco un tale gli si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per ottenere la vita eterna?».
Egli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Uno solo è buono. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti».
Ed egli chiese: «Quali?». Gesù rispose: «Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso,
onora il padre e la madre, ama il prossimo tuo come te stesso».
Il giovane gli disse: «Ho sempre osservato tutte queste cose; che mi manca ancora?».
Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, và, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi».
Udito questo, il giovane se ne andò triste; poiché aveva molte ricchezze.