Venerdì 7 Ottobre 2016 : Seconda lettera di san Paolo apostolo a Timoteo 2,8-15.

Chiesa di Milano


Accessori per la Liturgia
Carissimo, ricordati che Gesù Cristo, della stirpe di Davide, è risuscitato dai morti, secondo il mio vangelo,
a causa del quale io soffro fino a portare le catene come un malfattore; ma la parola di Dio non è incatenata!
Perciò sopporto ogni cosa per gli eletti, perché anch'essi raggiungano la salvezza che è in Cristo Gesù, insieme alla gloria eterna.
Certa è questa parola: Se moriamo con lui, vivremo anche con lui;
se con lui perseveriamo, con lui anche regneremo; se lo rinneghiamo, anch'egli ci rinnegherà;
se noi manchiamo di fede, egli però rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso.
Richiama alla memoria queste cose, scongiurandoli davanti a Dio di evitare le vane discussioni, che non giovano a nulla, se non alla perdizione di chi le ascolta.
Sfòrzati di presentarti davanti a Dio come un uomo degno di approvazione, un lavoratore che non ha di che vergognarsi, uno scrupoloso dispensatore della parola della verità.

Venerdì 7 Ottobre 2016 : Salmi 94(93),8-9.11-13a.14.18.21-22.

Chiesa di Milano


Arte Sacra
Comprendete, insensati tra il popolo, stolti, quando diventerete saggi?
Chi ha formato l'orecchio, forse non sente? Chi ha plasmato l'occhio, forse non guarda?
Il Signore conosce i pensieri dell'uomo: non sono che un soffio.
Beato l'uomo che tu istruisci, Signore, e che ammaestri nella tua legge,
per dargli riposo nei giorni di sventura, finché all'empio sia scavata la fossa.
Perché il Signore non respinge il suo popolo,
la sua eredità non la può abbandonare,
Quando dicevo: "Il mio piede vacilla",
la tua grazia, Signore, mi ha sostenuto.
Si avventano contro la vita del giusto, e condannano il sangue innocente.
Ma il Signore è la mia difesa, roccia del mio rifugio è il mio Dio;

Venerdì 7 Ottobre 2016 :

Chiesa di Milano


Testi Sacri

Venerdì 7 Ottobre 2016 : Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 20,45-47.

Chiesa di Milano


Accessori per la Liturgia
E mentre tutto il popolo ascoltava, disse ai discepoli:
«Guardatevi dagli scribi che amano passeggiare in lunghe vesti e hanno piacere di esser salutati nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei conviti;
divorano le case delle vedove, e in apparenza fanno lunghe preghiere. Essi riceveranno una condanna più severa».